Timeline di facebook: sfruttala per il tuo branding – Parte 1

Postato il 7 Mag 2012 - letto 228 volte

timeline facebook brandingDal 30 Marzo anche le pagine Facebook, dopo i profili privati, hanno effettuato il passaggio allo “stile diario”.  Molte critiche sono state mosse verso i sviluppatori che hanno messo a punto la Timeline di Facebook. Secondo il mio punto di vista è stata una boccata di aria fresca per questo social network, che si è liberato della vecchia grafica per dare un segnale di attività e rinnovamento ai concorrenti.

Con la Timeline cambiano molte cose. Cambia il modo di intendere il profilo privato di ogni utente, cambia l’usabilità, cambia la grafica e cambiano anche le possibilità di fare marketing su Facebook. A mio modo di vedere, se il Diario di Facebook penalizza leggermente i privati favorisce invece le aziende e i marketer. La nuove tipologia di pagina, infatti, presenta caratteristiche che si adattano molto bene all’avvio di un brand e allo sviluppo dello stesso.

I marketer più svegli hanno già iniziato ad approfittare dell’opportunità che questo cambiamento sta portando. In questo articolo abbiamo deciso di soffermarci su alcuni trucchi e consigli per rendere la tua Timeline più performante e più adatta al tuo business.

L’immagine della copertina

Il più grande cambiamento dal punto di vista della grafica è l’aggiunta della cosiddetta immagine di copertina. Questa immagine di circa 310 x 850 pixel è quella che risalta all’occhio non appena si accede ad una pagina. Questo dovrebbe farti capire quanto è importante e che impatto può avere un’immagine fatta nel migliore dei modi.

Si ha anche la possibilità di inserire un’altra immagine di 180 x 180, simile all’immagine del vecchio profilo. Anche grazie a questa aggiunta si potrà giocare con la creatività creando un gioco di colori e luci che attirino l’utente che entra. La regola principale è che la composizione di queste due immagini deve “raccontare tutto sulla tua azienda o sul tuo brand”. Chi entra nella pagina deve subito capire dove si trova e di cosa si parla nella pagina. Naturalmente per incarare la dose di impatto visivo e aumentare la curiosità degli utenti puoi aggiungere elementi che lasciano un alone di mistero o che lasciano dei piccoli dubbi su quella che è la tua attività.

Spero di averti fornito un informazione utile e interessate.


 Articoli Simili:
 Commenti